Casa monofamiliare Mergoscia/TI

dji_0525_crop
frz_20190730_4052
website_hochkantbilder1
website_hochkantbilder2
frz_20190730_4092
frz_20190730_4453
frz_20190730_4145
website_hochkantbilder3
website_hochkantbilder6
frz_20190730_4170
website_hochkantbilder4
website_hochkantbilder8
frz_20190730_4271
frz_20190730_4281
frz_20190730_4247
frz_20190730_4234_1
frz_20190730_4212_1
website_hochkantbilder9
website_hochkantbilder5
frz_20190730_4293
frz_20190730_4298
website_hochkantbilder7
mergoscia_fassade_nord
mergoscia_fassade_ost
mergoscia_fassade_s
mergoscia_fassade_west
mergoscia_ug
mergoscia_eg
mergoscia_og
mergoscia_dg

Casa monofamiliare Mergoscia/TI

La casa degli anni '80 in posizione collinare con vista sul Lago Maggiore è stata completamente sventrata, revisionata e adattata alle esigenze dei nuovi proprietari:

Nelle stanze, un tempo basse e buie, sono stati rimossi tutti i rivestimenti del soffitto e delle pareti. In parte, è stato possibile rinunciare alla rimozione della pavimentazione esistente in piastrelle contenenti amianto grazie a un sistema di riscaldamento a pavimento con una costruzione minima. Questo è stato applicato alla struttura del pavimento esistente insieme al parquet.

La scala in legno esistente è stata rimossa insieme alla sottostruttura della scala e sostituita con una scala in cemento a vista. Un'apertura a soffitto nel seminterrato collega un ripostiglio per i mobili da giardino, che in precedenza era accessibile solo dall'esterno, con i piani abitativi ed è ora utilizzato come sala da pranzo per le feste più grandi quando si prepara la pizza nel forno a legna. Una parete in gesso è stata sostituita da un'apertura in vetro a tutta altezza, che rende la stanza aperta e spaziosa. Sul lato sud della casa sono state praticate grandi aperture che lasciano intravedere il bacino idrico sottostante e il Lago Maggiore.

Una scala salvaspazio conduce ora alla mansarda, che prima era accessibile solo attraverso una botola, e si trova in una parete che contiene lo spazio tra il bagno e il corridoio. La vasca da bagno è stata quindi spostata in mansarda, dove offre una vista sul cielo grazie a due lucernari. L'intera mansarda è stata trasformata in uno studio soppalcato, che può essere separato dalla zona inferiore da una porta scorrevole e offre un luogo di ritiro.

Nella materializzazione, l'accento è stato posto sulla luce e sui materiali naturali. I pavimenti sono rivestiti con un parquet a listoni bianchi, oliati naturalmente. Le pareti sono state intonacate con un intonaco di calce traspirante che non viene tinteggiato. Nei bagni sono state utilizzate lastre di pietra naturale dell'Alpe Verdi come rivestimento e un pavimento Terrazzofino spatolato.

L'illuminazione tramite LED che si riflette indirettamente sul soffitto fa apparire gli ambienti più alti, ma ha richiesto una grande precisione nel trattamento delle superfici. La luce diretta, grazie ai faretti orientabili, è completata da apparecchi decorativi e oggetti luminosi, che creano punti di luminosità e creano un'atmosfera accogliente.

I tempi di costruzione, limitati a 6 mesi, sono stati rispettati nonostante le vacanze natalizie e la chiusura per un mese della strada di accesso al cantiere. A causa della pendenza delle montagne, a volte sono stati utilizzati elicotteri per il trasporto di componenti pesanti.