Ristorante Hafen Romanshorn

sbs_1065_d_1
sbs_1554_d3_kopie
sbs_1627_d_kopie
sbs_1742_d_kopie
sbs_1750_kopie
sbs_1856_d2_kopie
sbs_1287_d_1
sbs_1647_kopie
sbs_1610_3_kopie
sbs_1040_2_1
sbs_2404_6_kopie
sbs_1362_d_1
sbs_1280_d_1
webseite_rh
webseite_rh_a

Ristorante Hafen Romanshorn

I depositi inutilizzati della compagnia di navigazione svizzera del Lago di Costanza sono stati trasformati in un ristorante interamente dedicato alla nautica. I membri dello yacht club locale, i turisti, gli uomini d'affari e le famiglie si identificano allo stesso modo con l'architettura. Le fluttuazioni stagionali sono bilanciate dall'offerta e dal concetto architettonico.

Su soli 150m2 ottanta posti a sedere e una cucina ‚satellitare‘ oltre alla cucina commerciale hanno dovuto essere integrati per mantenere brevi le distanze del personale.
Le finestre pieghevoli dovevano essere integrate per aprire la facciata in estate. Un tetto a membrana di 200m2 è stato steso sulla terrazza esterna per consentire l'utilizzo della terrazza in diverse condizioni atmosferiche. Le forti fluttuazioni stagionali di un'attività gastronomica, che dipende fortemente dal tempo, richiedevano un concetto adattabile con un arredamento flessibile.

Per creare trasparenza alle stanze adiacenti e per ingrandire visivamente lo spazio, sono stati inseriti nelle pareti cinque oblò con un diametro fino a 1,4 m.

La cambusa, rivestita in lamiera d'acciaio verniciata bianca e strisce di metallo, è affiancata da uno scafo curvo che funge da bancone e da contatore. Le paratie di legno sporgenti coprono il soffitto e nascondono le installazioni tecniche. Le panchine richiamano le navi storiche. Una tappezzeria personalizzata mostra tutti i pesci del Lago di Costanza.